Donne Timberland Dimesioni 95 WJxFZ

SKU9786714038
Donne Timberland Dimesioni 9.5 WJxFZ
timberland Donne Timberland Dimesioni 9.5 WJxFZ Donne Timberland Dimesioni 9.5 WJxFZ Donne Timberland Dimesioni 9.5 WJxFZ Donne Timberland Dimesioni 9.5 WJxFZ Donne Timberland Dimesioni 9.5 WJxFZ Donne Timberland Dimesioni 9.5 WJxFZ Donne Timberland Dimesioni 9.5 WJxFZ
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Farnesina

Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Istituto Italiano di Cultura

Stoccarda

In evidenza >>
> Gli Eventi >

Calendario degli eventi dell´Istituto

2018-02-10

Data:

10/02/2018

Maeci

Roberto Paganelli e Andrea Martignoni (Ottomani Laboratorio, Bologna). Nell’ambito della XXXI edizione dello Stuttgarter Filmwinters - Festival for Expanded Media (08/02/ – 11/02/ 2018).

Presentazione e proiezione del DVD Animazioni 5, a cura di OTTOmani e Viva Comix, che presentano una nuova selezione di film, proponendo un viaggio alla scoperta della più recente produzione di cinema d’animazione d’autore italiano.

Animazioni 5 è una carrellata di film che esplorano diversi approcci e diverse tecniche di animazione, dal digitale al disegno animato, dall’interpretazione grottesca del classico allo stile grafico più personale.

La selezione dei film di questo V volume della raccolta è frutto delle scelte di un gruppo di curatori – Andrea Martignoni, Paola Bristot e Roberto Paganelli – che intendono esplorare lo stato delle cose del cinema di animazione italiano portando alla ribalta nuovi talenti, proponendo conferme di autori importanti e riservando uno spazio alla produzione “storica” dell’animazione italiana.

Al Filmwinter:

Informazioni

Data: Sab 10 Feb 2018

Orario: Alle 15:30

Organizzato da : Wand 5 e.V.

In collaborazione con : Italienisches Kulturinstitut Stuttgart

Ingresso : A pagamento

Luogo:

Stadtmuseum im Wilhelmspalais, Konrad-Adenauer-Str. 2, Stoccarda

Tags:

Proiezione

Air Jordan 23 Retro Radio Premiere WIFVY

Roberto Paganelli und Andrea Martignoni

logistica intermodale:

QUALE TITOLO DI STUDIO OTTERRAI

Al termine del corso di logistica viene rilasciato un Certificato di Specializzazione (IV livello EQF) , valido su tutto il territorio nazionale, che indica i crediti formativi acquisiti, spendibile da colore che volessero continuare gli studi.

DOVE POTRAI LAVORARE

Il Tecnico per la logistica integrata ed intermodale in virtù delle molteplici competenze acquisite attraverso il percorso IFTS potrà inserirsi in diverse realtà aziendali ed occupare collocazioni organizzative differenti relative alla gestione della supply chain.

Ambito di riferimento: logistica integrata Nel caso di attività legate alla logistica integrata, la funzione viene esercitata presso imprese manifatturiere, dei trasporti nazionali ed internazionali. Il contesto organizzativo all’interno del quale potrà operare varia sensibilmente a seconda che l’impresa curi in proprio questa funzione o affidi a fornitori esterni le operazioni legate alla movimentazione delle merci. Nel primo caso l’azienda dovrà adottare una struttura organizzativa facente capo alla direzione logistica.

Ha rapporti – sul piano inter-organizzativo – con gli addetti alla logistica e alla gestione dei magazzini, ha inoltre frequenti rapporti con le direzioni di vendite e acquisti e, in generale, con tutti i settori dell’impresa. All’esterno dell’impresa ha rapporti con i fornitori e con le società incaricate di curare la realizzazione pratica del trasporto, smistamento e stoccaggio delle merci, oltre che della progettazione e gestione dei sistemi informativi.

Ambito di riferimento: logistica intermodale Nel caso delle attività legate alla logistica ed al trasporto intermodale eserciterà la sua attività presso imprese di trasporto nazionale e internazionale o handler aeroportuali. Tali imprese possono essere sia di piccola dimensione (titolare-spedizioniere), sia di medie e grandi dimensioni (imprese dotate di magazzino proprio e agenzia di trasporti interna per esempio). Il trasporto può essere nazionale o internazionale e utilizzare le diverse tipologie di vettori: su gomma, ferroviario, aereo o navale.

POSIZIONE NELL’ORGANIZZAZIONE

Responsabile logistica – Direzione Produzione – Ingegneria industriale, dipende dal responsabile di produzione o dall’ufficio costi. Si rapporta con il direttore di produzione, i responsabili di reparto e il responsabile della contabilità industriale. Qualora l’organizzazione aziendale lo preveda si rapporta con i fornitori esterni per concordare le tariffe di lavorazione.

Invia la tua manifestazione di interesse
Articolazione oraria
Consulta il catalogo dei nostri corsi ITS

SCOPRI GLI ALTRI CORSI IFTS

Acconsento

Questo sito utilizza cookie di sessione e analitici. Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie. Leggi l'informativa Cookie

Cookie Consent plugin for the EU cookie law

Opinioni

07 Giugno 2018

di NICOLA LUCIFERO

Aggiungi ai preferiti
Abstract

L’avvio del 2018 ha visto l’UE alle prese con la stesura di uno dei documenti più attesi dai consumatori dell’Unione Europea. Si tratta del Regolamento di esecuzione (UE) 2018/775 della Commissione che stabilisce le regole per l'applicazione dell'articolo 26, paragrafo 3, del Regolamento (UE) n. 1169/2011, in materia di informazioni al consumatore di alimenti , sull’ indicazione del paese di origine o il luogo di provenienza dell'ingrediente primario di un alimento, se differente da quello dello stesso alimento complessivamente inteso.

* * *

Il nuovo Regolamento di esecuzione è un tema di grande rilievo e dalle molteplici sfaccettature che evidenzia il peso delle informazioni circa l’origine del prodotto al consumatore di alimenti in un mercato fortemente globalizzato. D’altronde, l’intensificazione degli scambi commerciali a livello globale, l’utilizzo di nuove strategie per la promozione e la distribuzione dei prodotti, ha aumentato notevolmente il rischio anche di decisioni commerciali non sufficientemente libere e consapevoli. Nel mercato alimentare questo si rileva anche per la diversa valutazione degli alimenti e delle funzioni che questi assolvono agli occhi dei consumatori in termini di merci, capaci quindi di esprimere interessi ulteriori rispetto al soddisfacimento dei meri bisogni alimentari; ciò ha determinato, anche in ragione delle caratteristiche impersonali ed anonime degli scambi, la necessità di prevedere obblighi informativi e regole per garantire la fiducia dei consumatori rispetto ai processi di produzione e di distribuzione al fine di poter effettuare scelte consapevoli sulla base delle caratteristiche degli alimenti e della qualità da questi espressa. In tale ambito l’origine assolve ad un ruolo fondamentale tanto con riguardo al prodotto finito quanto ai suoi ingredienti.

A tale proposito, il primo chiarimento relativo al provvedimento attiene alla definizione di dettata dal Reg. (UE) n. 1169/2011 che lo identifica nell’ingrediente o negli ingredienti di un alimento che ne rappresentano più del 50% o che sono associati abitualmente alla denominazione di tale alimento dal consumatore e per i quali, nella maggior parte dei casi, è richiesta un’indicazione quantitativa. Sempre in via preliminare è necessario considerare che a norma dell’art. 26, par. 2, di tale regolamento, l’indicazione del paese di origine o luogo di provenienza dell’alimento è obbligatoria quando la sua omissione potrebbe indurre in errore il consumatore in merito all’origine reale dell’alimento. Prosegue l’art. 26, par. 3, richiedendo di indicare - o indicare come diverso - il paese d’origine o il luogo di provenienza dell’ingrediente primario quando questo non è lo stesso di quello indicato per l’alimento, rinviando l’applicazione dell’articolo all’adozione da parte della Commissione di specifici atti di esecuzione.

Al riguardo, se l’ambito di applicazione del Regolamento di esecuzione include gli alimenti di cui all’art. 26, par. 3, sopra esaminati, lo stesso esclude già nel suo articolo 1 le indicazioni geografiche protette ai sensi dei Regolamenti (UE) n. 1151/2012, nonché le disposizioni di carattere verticale indicate nel Regolamento UE n. 1308/2013, oppure n. 110/2008 o n. 251/2014 o protette a norma di accordi internazionali, nonché i marchi registrati laddove questi ultimi costituiscano un’indicazione dell’origine. Ridotto notevolmente il raggio d’azione della normativa, l’art. 2 dispone che il suddettopaese di origine o luogo di provenienzadell’ingrediente primario deve essere fornito con riferimento alle seguenti aree geografiche:

Dettata la disciplina sostanziale in materia, infine, il Regolamento rimanda al 01 aprile 2020 la sua entrata in vigore, facendo altresì salva la possibilità di vendere sul mercato le scorte commercializzate o etichettate anteriormente a quella stessa data.

Critiche mosse al Regolamento

Fin dalle prime apparizioni della bozza di regolamento, sono state mosse diverse critiche: un ambito di applicazione ristretto e la previsione di indicazioni terminologiche alquanto generiche e inadatte a permettere al consumatore di fare scelte più consapevoli in materia. Infatti, si tratta di un testo normativo di certo interesse che ha sollecitato non poche critiche e osservazioni da parte degli stakeholders. In particolare, tra i molti, si osservi che Coldiretti ha ritenuto la bozza poco trasparente ed indeterminata con riferimento alle espressioni utilizzabili (UE, non UE, Regione, Stato membro, etc.), che, invece, dovrebbero consentire di individuare il paese di origine o luogo di provenienza dell’ingrediente primario con la stessa precisione di quello riferibile all’alimento. Inoltre, l’esclusione dalla sua applicazione dei marchi d’impresa registrati non tutela e non rispecchia l’intenzione del legislatore espressa nei considerando dello stesso regolamento che, evidenziando una certa incoerenza, li include nello scopo perseguito dall’art. 26(3) del Reg. (UE) n. 1169/2011. Così facendo, l’esigenza dei consumatori di essere informati circa la provenienza di ciò che mangiano trova unico riferimento nei decreti nazionali per l’indicazione dell’origine in etichetta della materia prima emanati, ad esempio, per il latte e i prodotti lattiero-caseari. Per queste ragioni, Coldiretti auspicava un’idonea integrazione del testo al fine di estendere il suo proposito a qualsivoglia indicazione fornita su un alimento - compresi marchi, indicazioni geografiche, dichiarazioni o simboli - in grado di essere intesa quale informazione sul paese d’origine o luogo di provenienza dell’alimento dal consumatore medio, normalmente informato e ragionevolmente attento ed avveduto. Similarmente, Copa-Cogeca , che presta la sua attività in difesa di agricoltori e coltivatori europei, ha ritenuto la bozza vaga e incoerente con le indicazioni di origine previste per l’alimento, permettendo un’etichettatura a livello regionale e locale per questo ed una a livello UE/non UE per il suo ingrediente primario.

A margine di tali osservazioni vi è una considerazione che riteniamo opportuno segnalare: l’origine del prodotto, al pari anche di altre informazioni che accompagnano l’alimento sul mercato, rappresenta un dato informativo che va ben oltre il suo scopo originario, acquisendo una forte valenza concorrenziale posto che l’origine di un prodotto esprime un dato che è anche, al contempo, di qualità e di sicurezza.

e non UE

Lasciati ispirare!

La tua registrazione è andata a buon fine

Gelnimbus 17 Scarpa Da Running Nero Asics LJNkI9bPY6

Per conoscerci

Informazioni utili

Scopri le nostre applicazioni

Seguici su

Questo Sito web è di proprietà di BravoNext SA, con sede in Vicolo de’ Calvi 2 - 6830 Chiasso, CH (no. d'ordine: CHE -115.704.228 e P. IVA CHE -115.704.228IVA, tel. 0221803729 - Numero di rete fissa nazionale, I costi dipendono dal gestore telefonico.). Tutti i diritti riservati © 2006 - 2018 Volagratis è un marchio registrato ®. I servizi disponibili attraverso il sito sono offerti da lastminute.com group o dai suoi Partner.